Celeste Chiappani Loda

Pubblicazioni

Scelta di poesie dialettali

Teresa e 'l Signur

Teresa e il Signore

La porta 'n sign

La porta socchiusa

La loseta

La loggetta

 

Teresa e 'l Signur

pubblicata su Il Cammino, agosto-settembre 1991, con trascrizione fonetica a cura della redazione

Teresa vis a la crus
la pregaa 'n nci;
la ghia endel stomec
on gran brt mag.
Signur, me car Signur,
cosa ghoi fat de mal?!
El me om l' mort el mes pasat;
l'altrer el fil i m'ha copat.
L'era tt chel che ghie
en chela vita ch.
Signur, Signur va preghe,
fim mrer a po a m
Teresa en s la ardaa
col cr che ga sciopaa.
Tt ende 'na olta
(mai p i sa la spetaa)
el Signur el gha parlat:
Cara la me Teresa
t ta ghet ris.
Tirei s de tera;
sta mia 'n nci.
Che ghoi mai de dit:
gn m ghie fat nient,
en crus i m'ha mitit;
i spi i m'ha mest sl co;
Teresa, pensa 'n po
a la me poera mama,
chel che la gha patit
entat che i ma inciodaa
s chela brta crus
fada de legn de nus.
E po, gnem contecc,
ados i m'ha 'n spdat,
la boca co la 'n et
p forta i m'ha bagnat.
Dim on po t, Teresa,
che rasa de pasi
per la me poera mama
a po a l l 'n nci.
A dit la verit
se ghes de turn 'ndre
el fares mia p,
disares p de s
Cosa t mai, Teresa,
sie 'n idealista
envece i m'ha 'mbrojat.
Va a casa, ades, de braa
e serca de pens
on po a chei che forse
i sta am pes de t.
L' l'nica maniera
de sta a chel mont l.
Ades va a casa to:
le dormer on brisin:
l' quasi dumila agn
che sare p s 'n cc
.
I ma ciama e i ma bestemia,
i ma prega e maledes.
Ades so propo stf,
ga la fo prope p

El Signur endel di is
el gha sbasat o 'l co;
ormai el la lea p.

Teresa e il Signore

Teresa vicino alla croce
pregava in ginocchio:
aveva nello stomaco
un gran brutto magone.
Signore, mio caro Signore,
che cosa ho fatto di male?!
il mio uomo morto il mese scorso,
l'altro giorno il figlio mi hanno ammazzato.
Era tutto quello che avevo
in questa vita.
Signore, Signore, vi prego,
fate morire anche me
Teresa in su guardava
col cuore che le scoppiava.
Tutto d'un tratto
(mai pi se lo aspettava)
il Signore ha parlato:
Cara la mia Teresa
tu hai ragione.
Tirati su da terra,
non stare ginocchioni.
Che cosa devo dirti,
nemmeno io avevo fatto niente,
in croce mi hanno messo;
le spine mi hanno messo in capo;
Teresa, pensa un po'
alla mia povera mamma,
quello che ha patito
intanto che mi inchiodavano
su quella brutta croce
fatta di legno di noce.
E poi, non ancora contenti,
addosso mi hanno sputato,
la bocca con l'aceto
pi forte m'hanno bagnato.
Dimmi un po' tu, Teresa,
che razza di passione
per la mia povera mamma
anche lei l ginocchioni.
A dirti la verit
se dovessi tornare indietro
non lo farei pi,
non direi pi di s.
Cosa vuoi mai, Teresa,
ero un idealista
invece m'hanno imbrogliato.
Va' a casa adesso, da brava,
e cerca di pensare
un po' a quelli che forse
stanno ancora peggio di te.
l'unica maniera
di stare a quel mondo l.
Adesso va' a casa tua:
voglio dormire un pochino:
son quasi duemila anni
che non chiudo pi un occhio
.
Mi chiamano e mi bestemmiano,
mi pregano e maledicono.
Adesso sono proprio stufo,
non ne posso proprio pi

Il Signore nel dire cos
ha abbassato la testa;
oramai non la alza pi.

La porta 'n sign

pubblicata in VI concorso poesia dialettale bresciana a cura del Comune di Carpenedolo, agosto 1997, con trascrizione fonetica a cura della redazione

Lsa 'n sign la porta
per pier
ch i ard la nt
ch pasa 'n strda.
I cc i mia tacc bu
ma fa nint.
Quanti agn i
ch sto s in de 'n scagn?
come 'n bambs
ch 'l sa gnemo' nint,
ma, ahi, come i fa mal
i m por s.
E po a 'l cr l ma fa prope mal,
epure l' amo' sa col s mag.
Lsa 'n sign che l's
per carit.
Va b che m ta pode mia parl,
ma
ta fo i gesti
co i cc e con del c:
perch t mia cap?
se in del t cr
ga fs de la bont
ta capirset sbit
chl ch i d.
Lasa 'n sign la porta
per piet.

La porta socchiusa

Lascia la porta socchiusa
per piacere,
ch voglio guardare la gente
che passa in strada.
Gli occhi non sono tanto buoni
ma
fa niente.
Quanti anni sono
che sto su un seggiolone?
Come un bamboccio
che non sa ancora niente,
ma, ahi, come fanno male
le mie povere ossa.
E poi anche il cuore mi fa proprio male;
eppure ancora sano, col suo magone.
Lascia socchiuso l'uscio,
per carit.
Va bene che io non ti posso parlare,
ma ti faccio i gesti
con gli occhi e col capo:
perch non vuoi capire?
Se nel tuo cuore
ci fosse la bont
capiresti subito
quello che voglio dirti.
Lascia socchiusa la porta
per piet.

La loseta

pubblicata su Gaydum, dicembre 1991, con trascrizione fonetica a cura della redazione

Gho est la Loseta.
Che bela! Che brai
chei che i la mesta
de nf en funsi.
En ritrovo elegante
per tta la sent che l fa do parole
o d apuntament.
Afreschi puch
e le colone sparde
Epure l' am na gioia per i cc.
L' come che i secoi.
la sent del pasat
i vegnes encontra
a strenser la ma,
a la conosensa,
a d de pens
Ma eco che sbit
ma e in gran mag:
i vedre rumpicc,
i mur tcc scricc,
de nom e parole
che l' mei mia ard.
Ma e fin de pianser.
Perch? ma domande.
Tartari, Unni,
Vandali e Goti
chi mai sar stat!
EI chesto il progres.
la gran civilt?
M pense e ripense
co j cc che strls
Entat le campane,
quasi sl co
le sa met a sun.
Ah, se j bele!
J am semper chele
de quan gnarilina
ghie casa in Basina.
Din-don. Din-don-dan.
Le sculte; quasi treme
de la grant emusi.
Che bel scampan!
El par fin che le dises:
"Ricordomes, fradei,
la vita l' grama,
ma se ghesem l'amur,
el mont tat balurt
el nares prope mei."

La loggetta

Ho visto la Loggetta.
Che bella! Che bravi
quelli che l'hanno messa
di nuovo in funzione.
Un ritrovo elegante
per tutta le gente
vuol far due parole
o darsi appuntamento.
Affreschi pochini
e le colonne sparite
Eppure ancora
una gioia per gli occhi.
come che i secoli,
la gente del passato
vengano incontro
a stringer la mano,
a far conoscenza,
a dar da pensare
Ma ecco che subito
mi viene un gran magone:
i vetri rotti
i muri tutti scritti
di nomi e parole
che meglio non guardare.
Mi vien fin da piangere.
Perch? mi domando.
Tartari, Unni,
Vandali, Goti
chi mai sar stato?
questo il progresso,
la gran civilt?
Penso e ripenso
con gli occhi che luccicano
Intanto le campane,
quasi sulla testa,
si mettono a suonare.
Ah, quanto son belle!
Sono sempre quelle
di quando ragazzina
abitavo in Bassina.
Din-don. Din-don-dan.
Le ascolto: quasi tremo
per la grande emozione.
Che bello scampano!
Sembra che dicano:
"Ricordiamoci, fratelli,
la vita grama,
ma se avessimo l'amore,
il mondo tanto balordo
andrebbe proprio meglio."