Celeste Chiappani Loda

Critica

Berto-coscienza di Celeste Chiappani Loda

romanzo

[…]

Ho letto questo libro con molto interesse e con un senso di amarezza crescente […] perché mi accorgevo, mano mano che le pagine passavano, che l'autore ci portava inesorabilmente verso un corridoio senza sbocco […] Era vedere come rotolasse questo Piero protagonista, che poi è protagonista fino a un certo punto. Se si dovesse dire chi è veramente protagonista di questo libro, chi muove le fila di questo libro, la discussione potrebbe diventare lunga. […] Piero è sempre in scena, però senza Berto che cosa sarebbe stato della coscienza di Piero; senza il figlio con il suo rotolare in una zona tutt'altro che sublime, quale sarebbe stata la reazione di Piero? […] Io proprio vedevo questo rotolare, questo andare, questo procedere […]

Le pagine della Chiappani mi hanno dato, mi hanno trasmesso, insensibilmente dapprima, ma sempre con maggiore consapevolezza poi, questo senso di severità.

[…]

Non dimentichiamo che per scrivere un libro bisogna anche saper fare buon uso della lingua italiana […] e la nostra autrice sa fare buon uso della nostra […]. La scrittura della Chiappani è illuminata veramente da una forza che io non potrei chiamare diversamente se non con la parola arte.

Mino Milani, scrittore

 

[…]

Il libro […] si fa propugnatore di una propria filosofia esistenziale. La realtà infatti è tale per cui la si accetta globalmente (e coerentemente) e allora si vive come una Maddalena; oppure si cerca di capirla, di interpretarla e si resta così atterriti che altro non c'è che rifugiarsi nella propria solitudine, nel proprio individualismo e dolorosamente scivolare sempre più giù per un progressivo logoramento di se stessi. […] Ed una terza via d'uscita, quella ad esempio della solidarietà umana, certamente difficile da reinventare in questo tessuto umano così disgregato, dove sembra dominare il buio della disperazione, ma dove si intravvede anche qualche piccola luce (l'amicizia fra Berto e Piero, la freschezza dei rapporti fra Laura e il fratello) […]

Per qualcuno, anche un po' per chi legge queste righe, vale l'imperativo della speranza contro ogni speranza umana. Per Celeste, troppe volte nella vita toccata da strazianti vicissitudini, vale la rassegnazione alla sconfitta, e dunque la storia di questo vinto.

Noi, partecipi della storia personale della scrittrice, e non ignari del suo travaglio interiore, accogliamo (e proponiamo a voi) il suo libro con tanta cordialità e anche un poco di commozione.

Luigi Guardamagna, medico

 

Un libro severo e impegnativo, non certo da leggere sotto l'ombrellone. Questo il giudizio che lo scrittore pavese Mino Milani ha espresso presentando il romanzo Berto-coscienza della scrittrice Celeste Chiappani Loda.

Parlando nella sala del consiglio del palazzo comunale di Mede, Milani, dopo aver richiamato alcune espressioni usate da Giuseppe Masinari nell'introduzione, ha analizzato il contenuto dell'opera: un'interpretazione del momento storico italiano visto con occhi che non hanno nulla dell'azzurro della speranza. La scrittrice - ha detto Milani - chiude ogni possibilità di redenzione, ed ha aggiunto: è un libro disperato, ma con esempi di scrittura godibile, artistica.

La visione pessimistica della vita, dell'uomo, della società, della storia che la Chiappani manifesta in Berto-coscienza è stata al centro dell'intervento del dottor Luigi Guardamagna. Oltre all'intensa espressione drammatica, Guardamagna ha messo in evidenza il linguaggio svelto e colorito, la tenue ironia che sono serviti alla Chiappani per plasmare il suo "affresco della società industriale".

L'informatore lomellino

 

Berto-coscienza è uno scavo psicologico che dà il senso di un racconto tendenzialmente autobiografico. Di fatto è un quadro della brutale realtà sociale del nostro tempo. In esso la sua autrice, Celeste Chiappani Loda, con sentimento morale si muove e narra come dal centro del mondo, e nell'assemblaggio e nella trattazione delle tematiche - quelle di tutti i giorni - usa il linguaggio crudo della realtà, qua e là indugiando alla saggistica, non foss'altro perché convinta che scrivere - Manzoni insegna - è non solo comunicare, ma anche e soprattutto edificare. Un libro dunque meritevole d'attenzione, e una scrittrice degna di plauso.

Francesco Boneschi, Vice presidente Associazione Stampa romana

 

Chi non l'ha conosciuta in precedenti lavori può considerare Celeste Chiappani Loda una scrittrice invasa da un accentuato pessimismo.

Si tratta invero di una scrittrice profondamente umana che trascina dalla fanciullezza, e forse dall'infanzia, una profonda malinconia ed un'accorata tristezza.

La lettura di Berto-coscienza e la scelta dei suoi personaggi possono dare la misura del profondo sentimento che ispira la penna della gentile scrittrice e della delicatezza legata a tutte le vicende del romanzo non scevre di immagini di dura realtà che incombono sulla vita moderna di ogni giorno.

Questo libro è uno specchio dell'ambiente in cui dobbiamo vivere; delle sventure o avventure che possono frangere o magnificare i nostri sentimenti e le nostre passioni.

È un libro quindi che può rendersi utile per migliorare noi stessi, aiutandoci a comprendere i nostri simili e per prepararci ad affrontare le più amare avversità della vita.

Aristide Meschia, industriale, fondatore e direttore del quadrimestrale Pro Natura

 

Berto-coscienza è un libro coraggioso ed impietoso in cui la scrittrice affronta il grave problema odierno della famiglia. Il libro di Celeste Chiappani Loda affronta nelle sue pagine dure questa realtà. Sono pagine che possono stupire il lettore benpensante ma sono vere. Sono la radiografia di una delle tante famiglie del nostro tempo che inevitabilmente vanno verso la catastrofe. Questo libro forse a molti non potrà piacere per la sua crudezza, qualcuno lo troverà scomodo, ma nessuno potrà negare che queste pagine, forse sofferte, non siano terribilmente vere.

Carlo Arzani, Gruppo Italiano Scrittori di Montagna

 

"Inchiesta sulla realtà odierna" avrebbe potuto essere il titolo di questo libro che in effetti presenta la realtà che noi viviamo.

Oppure "Romanzo di un uomo sullo scorcio del XX secolo", perché quello di Celeste Chiappani Loda è un bel romanzo avendone tutti gli elementi caratteristici in quanto storia che si incarna in personaggi oggettivi e che si snoda in un determinato tempo.

Un romanzo, del resto, è sempre un veicolo di idee, di passioni, lo specchio della quotidianità; e soprattutto in Berto-coscienza il lettore è portato a vivere lo stato conflittuale di un operaio che, per gradi, secondo un filone continuo che, senza interruzioni va dal principio alla fine, prende coscienza di sé.

[…]

Se Berto, che dà il nome al titolo pur non essendone il protagonista, è un personaggio inventato ma vero, reali sono le inchieste che l'autrice ha fatto con gran scrupolo e indubbia capacità.

Così ha avvicinato i drogati, è entrata in fabbrica, ha studiato acutamente la psiche dell'uomo del nostro tempo.

Usa il linguaggio forte del mondo operaio, ha la forza sufficiente per creare ambienti vivi e reali, fa conversare i personaggi perché sa che con la conversazione "si entra nelle spirali di una dialettica che avvicina alla realtà".

Vi sono in questo romanzo incorporati elementi politici, economici e sociali, non manca neppure quella materialità che ci condiziona.

È insomma una storia vera e umana e possiede quello che i francesi chiamano "l'affabulation", cioè l'intrecciare insieme una storia e una morale.

[…]

Possiamo affermare quindi che Berto-coscienza è un libro importante che fa pensare, e che, per la giusta dose di semplicità e di candore, riuscirà certamente ad anche mobilitare nel pubblico quelle riserve di sentimento alle quali una fredda inchiesta non riuscirebbe ad attingere.

Giuseppe Masinari, saggista

 

Berto-coscienza […] di piacevolissima lettura. Al di là delle considerazioni sui contenuti e sulla profondità di certe argomentazioni sociali trattate con conoscenza, coscienza e […] passione, mi ha interessato soprattutto il suo stile, così pulito e ampio, privo di qualunque banalità; trovo il suo linguaggio molto giovane e nello stesso tempo classico, a volte persino pervaso da un sottile umorismo godibilissimo. Con questo linguaggio lieve eppure solido riesce a dire cose importanti e a comunicare la malinconia della vita.

Elisabetta Pierallini, scrittrice

 

Celeste Chiappani Loda è la moderna autrice dell'avvincente romanzo Berto-coscienza, nel quale germoglia una malinconia serrata, un senso di impotenza che accompagna l'uomo come ombra inesorabile. Altrettanto viva è la presenza palpitante della scrittrice, sempre più intensa ad ogni riga; una partecipazione profonda che sembra mitigare lo scoramento.

Celeste Chiappani Loda si staglia come ponte tra le nostre solitudini, come ancora tra la nostra finitezza, vissuta con lacerante tormento da Piero Mazza, il protagonista del romanzo, e la speranza della tenerezza, incarnata nella sua sensibile compagna Laura Spiatti.

Dalla prima all'ultima pagina attraverso i personaggi, viventi di vita propria senza fili né manipolazioni, l'autrice intesse un dialogo sempre più denso con il lettore giungendo a sviscerare le sensazioni inconfessate e le riposte pieghe di solitarie sofferenze.

Toccante è il linguaggio sereno usato dalla scrittrice e la tensione che di contrasto sottende a ciascun pensiero, un'ansia sentita come condizione ineliminabile di ogni umana coscienza. Un conversare essenziale, reale, come reale è lo scrutare nel mondo della fabbrica e delle sue alienazioni. Da "Berto-coscienza" emerge una panoramica lucida della società contemporanea, e per questo sconcertante. Prostituzione, droga, solitudine, il tutto vissuto senza alternative,

senza possibilità di scampo o riscatto, ma con una alone di amara dolcezza.

Rossella Fusco, psicoterapeuta e poetessa

 

Berto-coscienza. Il pessimismo di Celeste Chiappani Loda sulla condizione e sul destino dell'umanità che pervade le pagine del romanzo, rimane comunque, al di là di tutto, un grido d'amore ed un messaggio di comprensione reciproca diretto a chiunque voglia fermarsi a valutare come migliorare se stesso e aiutare gli altri. Sviluppato all'interno della realtà dell'hinterland milanese, la trama seppur correlata al dramma vissuto dai protagonisti, sviluppa un contesto piacevole, ricco di motivazioni personali, capace di suscitare riflessioni di intensa umanità e di spessore psicologico ed introspettivo senza mai scadere nel qualunquismo, bensì con un forte accento ed una precisa volontà di aprirsi alla speranza.

Patrizia Zafferami, giornalista